LE CIAMBELLINE DEL RE

Le Ciambelline del Re

di  Fabio Traversa

da I vestiti nuovi dell’ Imperatore  di Hans Christian Andersen

 

La narrazione è forse la più antica forma di comunicazione e di passaggio del sapere da adulto a  bambino della Storia. Artisticamente è poi diventata strumento nobile dell’attore di ieri e di oggi che cerca di suscitare e tener viva l’attenzione del suo pubblico con l’uso appropriato delle parole  e la modulazione dei ritmi espressivi e timbri vocali.

 

Ne’ Le ciambelline del Re, liberamente tratto da I vestiti nuovi dell’Imperatore di Andersen, il narratore racconta  interpretando tutti i personaggi e dando a ciascuno di essi  la sua personale caratterizzazione fisica e vocale.

I due sarti della versione originale sono stati sostituiti dalle figlie  del Ciambellano di Corte, due bambine furbe e spiritose, le Ciambellineappunto, una coppia comica di stampo commedia dell’arte.

I bambini del pubblico sono coinvolti attivamente nello svolgimento della storia in qualità di sudditi più o meno  devoti.

Il racconto procede con scene brevi e dialogate in maniera umoristica unite l’una all’altra in una successione quasi cinematografica.

 

I vestiti nuovi dell’Imperatore  ci sembra una lezione divertente e insieme profonda per le giovani generazioni. Lo spettacolo è un monito a non rinunciare alla propria coscienza, alla propria ragione; un invito alla verità e alla presenza a se stessi.  I  re potenti ed arroganti da sempre hanno bisogno di sudditi stupidi,  incolti e obbedienti,  e la storia ci ha insegnato quali guasti ed orrori produce questa alleanza. Una società fatta di esseri pensanti è una grande utopia, che va rivendicata e difesa con l’impunità e il candore del bambino che grida: il re è nudo.

 

La storia è raccontata da un narratore in spazi anche non teatrali. Non ci sono particolari necessità tecniche, l’unica condizione è che la situazione garantisca possibilità di ascolto, senza distrazione o rumori.

 

Le Ciambelline del Re  è adatta ai bambini delle Scuole Elementari (6/10 ANNI)

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento